Ascolta proverbi e musica della nostra terra
 

 

 (file Mp3)

 

articolo pubblicato il 16 nov 2002
su "Ciociaria Oggi"
 
La Ciociaria dei cinque sensi ... pił uno

Molti sono coloro che amano la Ciociaria, per cui sono tantissimi coloro che amano apprezzarne le caratteristiche di terra ospitale, amena, generosa e a godere di queste ricchezze, nei modi e nelle essenze pił diverse, utilizzando i cinque sensi.

E' bello infatti gustare i colori e le forme dei panorami stupendi o degli angoli pittoreschi dei nostri paesini collinari, oppure sentire nell'aria il profumo della campagna, o ancora camminando, sentire la terra sotto i piedi o avere il piacere di sentire con le mani, la gioia e la soddisfazione di toccare e raccogliere le buonissime castagne dei nostri boschi, le stesse castagne che con il palato possono essere gustate a fondo fino a riscoprire sapori antichi e familiari

E' bello pure deliziarsi del canto degli uccellini o del cicaleccio tipico che si ode nella nostra campagna quando a sole sceso, le prime ombre rendono l'ambiente campestre ancor pił affascinante e misterioso.

Questi erano i cinque sensi, ma ci piace suggerirne un sesto per gustare appieno certi sapori nascosti che in poche occasioni abbiamo modo di scoprire, č il senso dell'umanitą antica dei proverbi Ciociari. Infatti i proverbi sono delle piccole perle di saggezza che i nostri "antichi" hanno coniato dopo che la vita era stata loro maestra e sta' a noi non perdere questa conoscenza.

Abbiamo perciņ pensato di conservarli (quanto possibile) nella memoria di menteantica, lasciando a voi lettori/visitatori la possibilitą di suggerirci o di proporcene dei vostri. 

Piccole "perle" che pensate possano essere poco conosciute o interessanti per caratteristiche di lingua o espressione popolare, inviatecele, sarą per i nostri visitatori un modo diverso per riscoprire l'essenza di una terra generosa e saggia.

Alcuni proverbi:

Tč gliu coglie i nen tč la ciocca, tč le vraccia i nen tč le mane, tč gliu cure i nen tč gli pede, 'nduvina ched'č? (E' la cannata).
Significato: Ha il collo e non ha la testa, ha le braccia e non ha le mani, ha il sedere e non ha i piedi, indovina cos'č? (E' un recipiente in terracotta tipico ciociaro "la cannata") 

Le chiacchiere so comme a le cerase, l'una tira l'ata.
Significato:Le discussioni sono come le ciliegie, una tira l'altra

Chi prąteca s'ammątreca.
Significato: Chi frequenta persone poco di buono diventa uguale 

L'acqua degliu ciele sta pesata, chella che nen fa d'inverne fa d'estate. Significato: L'acqua del cielo č pesata, quella che non fa d'inverno fa d'estate

Gliu sazzie nen crede agli'addiune.
Significato:
La persona sazia non crede quella a digiuno

 

  
     
  

  Inizio Pagina

Stampa questa pagina  stampa questa pagina