Ennio Filonardi 

Intellettuale, Cardinale, (Boville Ernica 1466 - Roma 1549)

Nacque a Boville Ernica nel 1466 da dove si trasferì a Roma  per gli studi superiori. Fu un intellettuale di alto livello i cui valori riconosciuti dai notabili del tempo gli permisero l’accesso tra la nobiltà dell’epoca.

Nella corte Papale di Innocenzo VIII fu molto considerato ed apprezzato, il suo successore Alessandro VI lo nominò Tesoriere della provincia di Campagna e Marittima (all’incirca il territorio comprendente le attuali province di Frosinone e Latina).

Papa Giulio II, (Vescovo di Veroli), lo apprezzò anch’egli e nominatolo Governatore delle marche lo trasferì (nel 1503) in un primo tempo ad Ancona, successivamente ad Imola, dove fu anche condottiero militare in quanto le sue truppe sconfissero i reparti Francesi ivi stanziati e riuscirono a impadronirsi della città di Bologna.

Inviato in Svizzera con la nomina di Nunzio Pontificio, entrò nelle grazie dell’Imperatore Massimiliano I di Germania, che nel 1513 gli concesse il privilegio di inserire come simbolo nello stemma di famiglia l'aquila imperiale.

Papa Paolo III lo richiamò in Roma dove lo nominò Prefetto di Castel S. Angelo, successivamente con la carica di Legato dell'esercito pontificio partecipò alla guerra contro il Duca d'Urbino, e diventò Amministratore della Diocesi di Montefeltro.

Quando Paolo III morì, il Cardinale Ennio Filonardi fu tra i papabili più accreditati, da molti considerato il sicuro successore Papa Paolo III, ma durante il Conclave si ammalò gravemente al punto di giungere a morte in pochissimi giorni, che il Conclave non era concluso, era il 19 dicembre 1549.    

  
  
     
  

  Inizio Pagina

Stampa questa pagina  stampa questa pagina